notizie

Il 21 settembre 2017, con la mozione nr. 66, l’Assemblea Capitolina ha impegnato la Sindaca e la Giunta:

- a porre in essere ogni utile iniziativa finalizzata ad accertare la rispondenza tra quanto previsto nella Convenzione del 5 ottobre 2011 “progetto di trasformazione urbana Grottaperfetta” e quanto effettivamente realizzato ein corso di realizzazione dal Consorzio Grottaperfetta” nell’area compresa tra via di Grottaperfetta, via Berto e via Ballarin, interessata dall’intervento urbanistico n. I 60;

- a sollecitare la Regione Lazio affinché venga assentita la Valutazione di Impatto Ambientale, in considerazione delle caratteristiche dell’intervento e delle successive emergenze rilevate nel corso della esecuzione delle opere di urbanizzazione;

- a sollecitare, altresì,la Soprintendenza speciale ai Beni archeologici affinché renda pubblica la relazione scientifica relativa ai sondaggi archeologici effettuatiin situ, tra il 2008 e il 2011;

- mettere in atto ogni azione possibile per il ripristino del tratto del Fosso delle Tre Fontane compreso nell’area dell’intervento, al fine di salvaguardare gli aspetti ambientali –naturalistici;

- promuovere altresì presso le Istituzioni competenti la salvaguardia e la tutela del fosso.

Vedasi mozione sottostante.

Pag.1 di 2

ptu_grottaperfetta_21set2017-page-001

Pag.2 di 2

ptu_grottaperfetta_21set2017-page-002

 

 

 

comunicato_fosso_set2017

fosso_tre_-fontane_2017set08_page1

 

fosso_tre_-fontane_2017set08_page2

 

fosso_tre_-fontane_2017set08_page3

 

fosso_tre_-fontane_2017set08_page4

volantino_bomba_stop_i_60_luglio_2017Salve a tutti,
si avvicina la stagione delle vacanze ma il nostro comitato non sta fermo. Nonostante la fretta con cui vanno avanti i lavori del cantiere, legata alle scelte fatte dai giudici, noi non molliamo e intendiamo coinvolgere le istituzioni che ci devono dire da che parte stanno, se con i poteri forti o con i cittadini. Ricordiamo sempre che i palazzi DOVREBBERO ESSERE 32, per il momento ce ne sono una decina, molti meno di 20 previsti entro giugno 2017 quindi, SI PUO’ ANCORA CONTENERE LO SCEMPIO, fermo restando che è tutta da dimostrare la legittimità di quanto realizzato, considerati gli elementi probanti in nostro possesso.
Vi terremo aggiornati sui futuri sviluppi, grazie per la collaborazione e buona estate.
Il Comitato Salvaguardia Grottaperfetta Stop i 60

Il giorno 31 maggio 2017 l’Ordine dei geologi del Lazio emette il seguente comunicato stampa relativo al fosso delle Tre Fontane (visibile anche al seguente link):

“Una storia ambientale, idrogeologica e urbanistica che si trascina da anni tra proteste, scontri istituzionali e ricorsi amministrativi. L’Ordine dei Geologi del Lazio riaccende le luci sull’annosa e delicata problematica legata al “Fosso delle Tre Fontane”, asta fluviale ricadente nel Municipio VIII, in un’area particolarmente interessata dalla trasformazione urbanistica, avviata dal consorzio Grottaperfetta, “la quale – denuncia il presidente dell’Ordine, Roberto Troncarelli – non contempla l’esistenza del fosso e, quindi, l’adozione di modalità costruttive e di salvaguardia. Ricordiamo, al riguardo, che il Fosso delle Tre Fontane è iscritto nell’elenco delle acque pubbliche della Regione Lazio, sottoposto a vincolo paesistico e pertanto tutelato come corso d’acqua dall’articolo 822 del Codice Civile. In materia di demanio pubblico, inoltre, è soggetto alla tutela ambientale secondo leggi nazionali e regionali. Eppure dalla analisi degli elaborati si evince una mancanza di gestione del corso d’acqua con l’interramento dell’asta locale, perché non esiste”.

Tale prospettiva ha portato a contenziosi e ricorsi tra il Consorzio dei Costruttori “Grottaperfetta” e il Municipio VIII, avente ad oggetto l’opposizione dei costruttori alle direttive emesse dal Municipio VIII a protezione e gestione della dinamica idraulica del Fosso delle Tre Fontane. “Numerosi e autorevoli enti – continua Troncarelli – si sono espressi sull’esistenza del Fosso delle Tre Fontane e sulla necessità della sua tutela e valorizzazione”. Tra loro: l’Aeronautica Militare, l’Autorità di Bacino del Fiume Tevere, l’Area Difesa del Suolo della Regione Lazio, la Sovrintendenza Archeologica e il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali. “Nell’ambito della diatriba, e in particolare il 13 ottobre 2016, un nostro iscritto – ricordano ancora dall’Ordine dei Geologi del Lazio – è stato incaricato dall’Avvocatura Capitolina di redigere una perizia tecnica, nell’ambito del contenzioso giacente al TAR, per verificare o meno l’”esistenza” del Fosso delle Tre Fontane e il ruolo svolto dallo stesso nell’ambito idrogeologico del bacino, interessato dalle opere di trasformazione urbanistica nel quale non sono comprese interventi a tutela del tracciato del fosso”.

Dall’analisi della Perizia Geologica e della cartografia idro-geo-morfologica redatta, “appare evidente la presenza naturale del corso d’acqua e della sua interazione con l’immediato intorno”, sottolinea Roberto Troncarelli. Una realtà che, tuttavia, non ha fermato gli interventi di edificazione, portati avanti dal Consorzio dei Costruttori nell’area del Fosso delle tre Fontane: “I lavori – conferma preoccupato il presidente dei Geologi Lazio – proseguono senza interventi atti alla mitigazione del potenziale rischio idrogeologico, generato dalla modifica morfologica con l’interramento e l’obliterazione del percorso naturale del fosso. Seppur riteniamo lodevole l’operato dell’Avvocatura Capitolina che ci ha chiamato in fase di contenzioso, purtroppo, come esperti del territorio, siamo portati a sottolineare che il prosieguo di tale intervento, così come progettato, interferirà con la dinamica idraulica del fosso, cagionando localmente e soprattutto a valle dell’area, i ben noti fenomeni che siamo purtroppo abituati a vedere associati agli eventi meteorici: allagamenti, alluvioni e frane. Le istituzioni preposte vogliono davvero tutto questo?”, conclude Troncarelli.”

Il giorno giovedì 23 febbraio 2017, dalle ore 15:00 alle 18:oo, presso la sala consiliare del Municipio VIII, si è tenuto il convegno sull’Urbanistica sostenibile.

Sono intervenuti numerosi relatori ed associazioni operanti sul territorio del Municipio  VIII.

Il convegno ha permesso di approfondire le tematiche legislative, ambientali, culturali e sociali connesse sia all’area “I-60″ che ad altre aree critiche ubicate o adiacenti al territorio del Municipio VIII.

Ecco alcune foto dell’incontro.

DSC_0216

Fase inziale del convegno.

DSC_0247

Il pubblico

DSC_0244

Intervento dell’avv. Corvasce

DSC_0253

La sala Consiliare

DSC_0254

DSC_0263

Intervento della Dr.ssa Giuseppina Granito

DSC_0274

Intervento del consigliere Amedeo Ciaccheri

DSC_0267

Intervento dell’ex assessore all’Urbanistica ed ai lavori pubblici Ing. Tisi

 

Rassegna stampa:

Agenparl “Roma. Assotutela su Ardeatino. Stop a grattacieli e fogne sulla villa romana.”

Il giorno 23 febbraio 2017 alle ore 15 presso la sala consiliare del Municipio VIII si terrà il convegno sul tema “Urbanistica sostenibile. Un’idea per Roma: zero consumo di suolo e autorecupero”. Interverranno cosiglieri di Roma Capitale e del Municipio VIII, ricecatori del CNR, urbanisti ed associazioni di tutela del territorio. Il convegno è aperto a tutti.volantino_Urbanistica_sostenibile_jpg

Venerdì 13 gennaio 2017,  grande giornata in municipio VIII: approvata all’unanimità (17 voti su 17 presenti), una mozione per la tutela del Fosso delle Tre Fontane e la riduzione delle cubature dei 32 palazzi previsti tra via di Grottaperfetta, via Berto e viale Ballarin. L’importante atto, che costituisce una significativa base per proseguire la battaglia contro il GRANDE SCEMPIO, è stato approvato dai 15 consiglieri del Movimento 5 Stelle e dai due firmatari dello stesso, Andrea Catarci e Amedeo Ciaccheri, alla presenza di numerosi cittadini, interessati al rispetto del territorio, della legalità e contro l’arbitrio di chi confida nel potere economico e politico. Alla votazione non hanno partecipato i consiglieri del Partito democratico che, insieme a quelli dei partiti di destra, sono usciti dall’aula.

La ricercatrice del CNR, Maria Cristina Antonucci, dopo lunghe e accurate
analisi, ha prodotto uno studio sui movimenti di base e le aggregazioni di
cittadini sul territorio, individuando il nostro Comitato quale “soggetto
sociale” in grado di mettere in discussione la politica urbanistica romana. Il
saggio è contenuto nella pubblicazione “Democrazia dal basso – cittadini
organizzati a Roma e nel Lazio” a cura di Maria Cristina Antonucci e Alessandro
Fiorenza, Gangemi editore.

 

 

 

 

Il giorno 25 febbraio 2016, presso la sala Columbus nel quartiere di Garbatella, alla presenza del Pres. del Mun. VIII Andrea Catarci e di altri rappresentanti delle pubbliche istituzioni, si è tenuto l’incontro con le associazioni dei cittadini che operano nel territorio del Municipio VIII di Roma Capitale.

Ecco l’intervento della Dr.ssa Giuseppina Granito.