Comunicato Stampa

logo Stop I60

Salve a tutti,

con sentenza 6700 del 25 giugno 2014, la Sezione II bis del Tar, presieduta da Antonio Vinciguerra, ha rigettato il ricorso presentato dai cittadini, con sentenza breve, per ‘tardività dell’impugnativa rispetto ai termini legali di decadenza’. Il collegio giudicante non è quindi entrato nel merito della questione, né ci ha imputato le spese di giudizio. Da ciò possiamo concludere che rimane un ampio spazio di manovra per qualsiasi azione si voglia fare in quanto, abbiamo in piedi varie possibilità:

  1. non avendo avuto torto nel merito potremmo ricorrere al Consiglio di Stato, ovviamente con i conseguenti costi;
  2. abbiamo tutta la partita relativa alla illegittima occlusione del fosso delle Tre Fontane, che nel primo ricorso non è stato preso in considerazione, con la delibera regionale che toglie il vincolo, da impugnare;
  3. c’è in piedi l’azione penale, sia per il parco di Tormarancia che per lo stesso fosso, per i casali e il monumento romano abbattuti e, qualora ci fosse rinvio a giudizio, potremmo costituirci parte civile, con grave compromissione degli interessi dei costruttori;
  4. sempre per ciò che attiene al fosso, il ministero dei Beni culturali ha riconosciuto l’esistenza del vincolo e questo sicuramente significherà una revisione del progetto;
  5. abbiamo appurato che esiste una norma, l’art. 99 delle norme tecniche di attuazione al Piano regolatore di Roma del 2008, che rende obbligatorio lo studio della mobilità di zone interessate da pesanti interventi edilizi;
  6. chiederemo inoltre al ministero dei Beni culturali l’apposizione del vincolo indiretto, a tutela e fruizione dell’archeologia, considerato che in zona Pietralata, Ottavia e Tor Bella Monaca, i ritrovamenti archeologici saranno tutelati e messi a disposizione dei cittadini;
  7. il 1 luglio, alle ore 17:30, all’Urban Center di via Niccolò Odero 31 (Garbatella), è prevista la 1^ conferenza urbanistica del municipio – inizio di una serie di incontri – di cui vi alleghiamo invito e motivazioni. Sarà un’occasione per ribadire le nostre ragioni e invitare l’amministrazione a un ripensamento.

Naturalmente, per un progetto modificato, si deve procedere a un nuovo iter che prevede la valutazione di impatto ambientale (VIA) e la valutazione ambientale strategica (VAS) e in quel caso tutto può succedere.
E’ ovvio che il responso un po’ ci delude ma, se avessimo vinto, i costruttori avrebbero fatto ricorso al Consiglio di Stato con tutte le conseguenze del caso; se ci avessero dato torto con una sentenza articolata, ci sarebbero state precluse tutte le azioni sopra descritte. In questo modo invece, tutte le strade rimangono aperte. Ovviamente dobbiamo munirci di coraggio, pazienza, pensare di ricorrere a una piccola tassazione, qualora volessimo impugnare la delibera regionale. I costi si ridurrebbero a circa 700 euro per l’iscrizione al ruolo, avendo l’avvocato Valerio Cianciulli che ci tutelerebbe, rinunciato al suo onorario.
Abbiamo inoltre l’appoggio dell’associazione AssoTutela che mette a nostra disposizione il suo ufficio legale e il sostegno del presidente del municipio VIII Andrea Catarci e dell’assessore all’urbanistica Massimo Miglio, che tanto coraggiosamente si sono esposti a tutela dell’ambiente e del fosso Tre Fontane. Ci è inoltre vicino il Corpo forestale che ha svolto indagini accurate nelle aree di Tormarancia e dell’I-60 di cui presto comunicherà i risultati.
Altra piccola soddisfazione è il risultato della pressione esercitata da tutti i comitati di cittadini sull’assessore all’urbanistica del Comune Giovanni Caudo che sta pubblicando un nuovo schema di convenzione meno favorevole ai costruttori, che probabilmente li costringerà a realizzare le opere di urbanizzazione prima dei palazzi. Naturalmente, se impugnamo la delibera regionale che toglie il vincolo al fosso, blocchiamo la concessione dei permessi a costruire che, altrimenti, potrebbero essere autorizzati nei prossimi giorni. Vi aspettiamo tutti alla conferenza urbanistica.
Cari saluti, perdonate la prolissità, e a martedì 1 luglio, allineati e coperti e pronti alla battaglia.

Il Coordinamento Stop I-60

 

One Response to “ Comunicato Stampa”

  1. Nonvoglioilquartiere

    La conferenza urbanistica è Martedì 1 Luglio?
    Ormai è passata una settimana, oggi è Martedì 8 Luglio